martedì 15 aprile 2014

Danny Zucco con le tette.

"Elo vieni qui. Guarda cosa ti faccio vedere.", mi dice mi padre.
Mi sono rivista in un video di 12 anni fa durante la rappresentazione teatrale in versione moderna di Grease dell'ultimo anno di scuola.
Avevo 18 anni.
Stessa faccia.
Stessa camminata da maschiaccia.
Stesso fisico, più o meno, ovviamente decisamente più soda di adesso ma sono rimasta più o meno della stessa struttura (per fortuna, direi).
A quell'età ero già consapevolissima di ciò che ero anche se non avevo ancora avuto il coraggio di provare. Credo non sapessi nemmeno come fare. Quanta ingenuità! :-)
La cosa buffa è che la mia classe, la 5B periti, si era lasciata indietro tutti i maschietti della classe e l'ultimo anno era formata solo di tante femminucce, alcune ingenue come me e altre arrapate che manco le conigliette di Playboy, che avevano voglia di chiudere in bellezza quello che, nei successivi 12 anni, avrebbero sempre ricordato come l'anno di scuola più bello in assoluto.
Dicevo che fosse buffo il fatto di essere solo femmine perché Grease, come tutti ben sanno, ha anche personaggi maschili e quindi andava da se che qualcuno avrebbe dovuto fare i T-birds.
La maggior parte della mia classe era fatta di ragazze che si atteggiavano a donne senza essere altezzose o insopportabili. Era una bella classe tutto sommato, ma è stata guerra quando tutte volevano fare le Pink Ladies e nessuno i T-birds, ovviamente.
Io, con nonchalance, mi sono offerta di fare uno dei T-birds (ma avevate dei dubbi per caso? Mi ci vedete a fare una Pink Ladies che organizza un pigiama party a casa sua per limarsi le unghie in compagnia?).
Data la scarsa domanda da parte delle ragazze per recitare in versione maschile, quelle poche che avevano ceduto volevano fare i personaggi meno protagonisti, più nascosti. Così un giorno: "Elo, dai fai tu Danny Zucco altrimenti qui non ce la caviamo più!".
Detto, fatto!
Ero un Denny Zucco con la quarta di reggiseno e una maglietta nera che non nascondeva l'ombelico, ma ero anche un Danny Zucco con il pettinino sempre pronto per sistemarsi i capelli, la camminata da capo branco e il cuore romantico.
Ero perfetto. Ehm, volevo dire ... perfettA! :-D

Rivederci tutte in quel video mi ha fatto ricordare che è stato proprio quell'anno meraviglioso a cambiarmi. A cambiare il mio carattere, a farmi prendere l'iniziativa nelle cose senza vergognarmi, a farmi dire quello che penso, a non farmi parlare con lo sguardo abbassato, ad uscire dal mio bozzolo.
Ecco, magari da quel bozzolo non è proprio uscita una farfalla dai mille colori, sono più simile a batman forse, ma sono contenta di quell'anno. Perché è stato l'anno in cui il mio vero io è sbocciato.




Immaginatemi sul palco davanti ai miei genitori, ai miei professori, ai miei compagni di scuola che canto: "La mia mano sulla sua finì, ma soprattutto quella cosa lì." facendo il gestaccio.
Che meraviglia!
;-)
.



14 commenti:

  1. Sempre detto io.... scuole superiori a vita :)
    In realtà non mai retto più di tanto Grease, mi piaceva la musica ma per il resto i personaggi mi son sempre sembrati troppo caricature (anche vero che magari a quei tempi in america era così.... o semplicemente che dovevano esser una caricatura)..... ma la versione con le tette di Danny Zucco.... "pagherei" per vederla :p
    Credo (le donne più degli uomini.... maturano prima), che gli utlimi anni delle scuole superiori sono tra le tappe più importanti per la formazione di un individuo. Ti posso far spiccare il volo, come sotterrarti e per assurdo, possono procurarti cicatrici, che ti tieni adosso a vita..... :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero.
      Alle medie sono stata vittima di bullismo e anche quegli anni me li ricordo molto bene. Alle superiori ho fatto in modo che questo non accadesse più e non so se grazie a me o grazie alla classe che bene o male era sana di mente non è successo.
      Se ogni cosa che mi è successa ha fatto sì che fossi così ora, sono sincera, mi va bene così. :-)

      Elimina
  2. 4^ di reggiseno .. ma quanto bello è avere delle signore tette??? :-)
    continua a sbocciare, che sei una bellissima persona (e gioffane anche) !!
    baci :*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, poi son sparite eh?
      Quando ho fatto il salto nel mondo delle donne sono dimagrite non so quanti chili nel giro di pochissimo e la quarta è sparita. Ora son tornata ad una terza abbondante ma è tutto grazie alla pillola (che odio e spero di interrompere prestissimo).
      Speriamo di sbocciare sempre in senso positivo! :-)
      Bacio!

      Elimina
  3. Anch'io avrei fatto uno dei T-birds!! ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh, dai. E' molto più divertente interpretare qualcosa che non sei no? ;-)

      Elimina
  4. Leggerti è stato come vedere un pezzetto di film di fellini, armacord :) bello e struggente

    (quarta di tetta... O__O ma quando ci siam viste ai tempi a milano dove le avevi nascoste!? :P vabbè che era inverno...)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quando mi hai vista tu ero già dimagrita tantissimo e, ovviamente, le tette sono sempre le prime cose che spariscono, porca paletta! :-)

      Elimina
  5. Io al liceo ci tornerei anche domani. Oddio...se non avessi fatto Denny Zucco con una quarta di seno ;) Iena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il problema è che quando sei al liceo non ti rendi conto di cosa stai vivendo.
      Perché si capisce sempre tutto solo col senno di poi? Sgrunt!

      Elimina
  6. Io invece dico che sei una bellissima farfalla, una Parnassius Apollo che ritrovo ogni estate in montagna posata su una corolla.
    Ciao sorriso.
    haffner

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non mi ci sento, ma grazie Haff!
      Un bacio

      Elimina
  7. Yeaaahhh! :D
    Forte in tutti i sensi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi sono divertita un casino, credimi!!! :-D

      Elimina

So what?